1

carabinieri auto agenti piedi

NOVARA -16-07-2019 - Sarà un'estate

all'insegna della sicurezza stradale sull'exSS11 (ora sp11) Padana Superiore, con particolare attenzione al trasporto dei bambini in automobile e alla guida sotto l’effetto di alcol. E' infatti partita all'inizio di luglio, la settima edizione di “Adotta una strada”, iniziativa nata dalla collaborazione tra la Fondazione ANIA e l’Arma dei Carabinieri, che punta a ridurre il numero e la gravità degli incidenti stradali su alcune delle strade più pericolose d’Italia e che coinvolgerà anche il Comando Legione Carabinieri “Piemonte e Valle d’Aosta”. Dopo il successo della sesta edizione che si è svolta ad aprile, ancora una volta insieme alla Padana Superiore le “osservate speciali” saranno l’Aurelia, la Tirrena Inferiore, l’Orientale Sicula e la Carlo Felice. Il progetto si concluderà il 31 agosto. I Carabinieri aumenteranno i controlli soprattutto nei fine settimana e nelle ore notturne nel periodo dell’anno considerato statisticamente più a rischio per l’incidentalità stradale. Secondo le statistiche, infatti, il mese di agosto è quello con l’indice di mortalità più critico dell’anno (rapporto tra decessi e numero di incidenti, ovvero 328 in 14.195 sinistri), mentre il mese di luglio è quello in cui si è registrato il numero più alto di morti (341) e feriti (24.107) in assoluto. Grazie ad “Adotta una strada” verrà portata avanti un’azione di prevenzione ed informazione: oltre ad aumentare i controlli, le pattuglie dei Carabinieri concentreranno la loro attenzione sulla guida in stato di ebbrezza e sul corretto uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per bambini: al termine del controllo, i militari in servizio distribuiranno agli automobilisti etilometri monouso e un opuscolo informativo realizzato dalla Fondazione ANIA con le norme per il corretto trasporto dei minori in auto. Secondo i dati Aci, sulla Padana Superiore, lunga complessivamente 428,82 km (fra Piemonte, Lombardia e Veneto), nel 2017 si sono registrati 597 incidenti, con 18 vittime e 854 feriti.

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.