1

lincio arturo nov 2018

VCO - 11-10-2021 - Sconfitto alle elezioni, Arturo Lincio non è più il sindaco di Trasquera e quindi deve dimettersi da Presidente della Provincia. Non è una questione burocratica, ma di stile istituzionale. E' in sintesi quanto sostiene in una nota il Partito democratico del VCO che chiede, appunto, le dimissioni del presidente prima di quel 18 dicembre che è stato fissato per l'election day delle Province. Lincio non sarebbe stato in scadenza se non avesse perso le elezioni nel suo piccolo comune, il suo mandato, infatti, sarebbe scaduto tra due anni ed il 18 dicembre consiglieri comunali e sindaci del VCO avrebbero dovuto votare solo per il rinnovo del Consiglio provinciale, questo sì in scadenza. La sconfitta elettorale ha però rimestato le carte e Lincio s'è trovato improvvisamente ex sindaco e "scaduto" dalla presidenza del VCO ma, tempo qualche giorno, ha preso atto di quanto stabilito dalla Conferenza Stato Città Autonomie Locali e il Governo, ovvero che devono intendersi  "prorogati tutti gli organi in carica, Presidenti e Consiglieri, anche qualora intervenisse la decadenza per cessazione di mandato da Sindaco o Consigliere Comunale". Va però detto che in analoghe condizioni altri presidenti di Provincia, come Gianluca Foglia Barbisin, di Biella, hanno seguito la norma, ovvero quel decreto Delrio che ha riformato le Provincie e che in questi casi prevede le dimissioni del presidente. E' quello che auspica il PD.
"Rimaniamo quanto meno colpiti dalla scelta del Presidente Arturo Lincio, sostenuta dalla sua maggioranza in Provincia, di non dimettersi dal ruolo di Presidente a seguito della sconfitta elettorale riportata a Trasquera - si legge nel comunicato -.
Abbiamo voluto attendere qualche giorno dopo le elezioni per capire se Lincio volesse fare un gesto che ci appariva e ci appare assolutamente opportuno, ma le sue dimissioni, con contestuale passaggio di consegne al Vice Presidente Porini, non sono arrivate.
Crediamo che, al netto di interpretazioni burocratiche e delle norme vigenti, l’eleganza politica e istituzionale, avrebbe dovuto far prendere questa scelta di buon senso al Presidente uscente.
Infatti in questa direzione sono andate le scelte, a titolo d’esempio, del Presidente della Provincia di Biella e con lui di altri Presidenti di Provincia in Italia.
Invitiamo pertanto l’ex Sindaco Lincio a rassegnare le sue dimissioni lasciando che a guidare l’ente durante la campagna elettorale sia una figura di garanzia come il suo Vice".

 


Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.