1

libro perotti

NOVARA/BORGOMANERO - 14-10-2021 -- “Storia di Alfonso Perotti. Da Borgomanero al naufragio del Titanic” di Roberto Modolo, edito da Macchione è un libro che si legge tutto d’un fiato ed allo stesso tempo commuove. Già nella prefazione di Claudio Bossi, scrittore e storico, tra i massimi esperti del Titanic, si intravede che il testo non sarà solo un racconto su quella tragica notte del 15 aprile 1912, ma offrirà al lettore la possibilità di conoscere da vicino la sventurata avventura di un giovane borgomanerese, Alfonso Perotti, che su quella nave trovò la morte, ventenne.

 

Nel libro di Modolo, milanese di nascita, ma borgomanerese di adozione, viene ripercorso uno spaccato della vita del XIX secolo in quel di Borgomanero, allora piccolo centro, e dell’operato di Alfonso che decise di voler conoscere a tutti i costi il mondo lasciando la piccola provincia italiana. Non vi erano motivi economici alle spalle, ma tanta tenacia, positività ed amore per la vita che spinsero il giovane a voler andare all’estero prima e ad imbarcarsi sul Titanic poi. Alfonso Perotti non è un personaggio famoso, è un giovane che impara presto, animato da una grande voglia di lavorare.  Lotta fino alla fine delle proprie energie, non si arrende e lascia nel lettore un profondo desiderio di ricordarlo.

La sua breve vita è stata ricostruita con minuziose ed approfondite ricerche in loco in Inghilterra, partendo dalla sua famiglia a Borgomanero. La minuziosa e fedele descrizione del Titanic è un ulteriore arricchimento del libro. Il resto lo fa la narrazione romanzata. Inoltre nella postfazione compaiono dettagliati particolari su quanto accadde nei giorni successivi il naufragio ed i cambiamenti, in fatto di navigazione, che la tragedia comportò.

 

“Questo libro –scrive Roberto Modolo- è scaturito dal desiderio delle sue nipoti Carmen, Renata ed Emilia Perotti di commemorare questo giovane sfortunato nella ricorrenza del 130° anniversario dalla nascita. Per me è  stato un onore e un privilegio avvicinarmi alla storia di Alfonso Perotti ,assorbirla, interpretarla ed infine trascriverla su carta, immedesimandomi più volte in questo ragazzo durante la stesura del volume”.

Il libro, oltre all’elenco del personale italiano impiegato al ristorante A la carte del Titanic, il più prestigioso, è arricchito da un album fotografico, le cui immagini sono tratte dal libro “Borgomanero – Le cartoline raccontano 100 anni di storia”, nelle quali, oltre al giovane ed alla sua famiglia, compaiono l’estratto di nascita, fotografie di Borgomanero, di Londra, del Titanic, delle cartoline inviate da Alfonso, della sala del ristorante, del documento, datato 1 aprile 1913 che attesta che Perotti quella sera era imbarcato sul Titanic.

Un libro che merita molta attenzione ed un profondo riguardo, perché, ancora una volta, la storia dei Grandi, in questo caso del  Titanic, è stata fatta dai Piccoli.

 

Manuela Peroni Assandri

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.