1

tribunale esterno 16 3

VERBANIA - 29-06-2022 -- Ubriaco, aveva minacciato la barista che gli chiedeva di andarsene e, individuato successivamente dai carabinieri, li aveva aggrediti opponendo resistenza. Sette mesi è la pena stabilita dal Tribunale di Verbania per il 39enne di nazionalità marocchina residente a Villadossola arrestato nella cittadina ossolana il 13 maggio dai militari del Radiomobile e della stazione domese. L’Arma fu chiamata a intervenire nella tarda mattinata dello scorso 13 maggio, dopo che l’esercente aveva chiamato il numero d’emergenza segnalando l’episodio appena accaduto. Giunta a Villadossola, la pattuglia non trovò più l’uomo sul posto ma, ricevutane la descrizione, iniziò a cercarlo. Non era lontano e non fu difficile individuarlo. Alla vista degli uomini in divisa, anche per via dello stato di ebbrezza, reagì in malo modo. “Non mi toccate perché vi ammazzo, ti prendo la pistola e ti sparo” - disse spingendo, scalciando e divincolandosi mentre i carabinieri cercavano di fermarlo e di perquisirlo. Lo dovettero fare con la forza e, una volta immobilizzato, il 39enne fu trovato in possesso di due coltellacci da cucina, entrambi infilati nella cintura dei pantaloni. Arrestato e condotto il giorno successivo in Tribunale, dopo la convalida dell’arresto è stato rilasciato in attesa del processo per direttissma al termine del quale è stato condannato a sette mesi per resistenza e per il porto ingiustificato delle due armi bianche.

 


Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.